Aperio

La voce della Foresta che Cresce

Li chiama “cospiratori positivi”, tutte quelle persone uomini o donne, conosciuti o meno, che cospirano per il bene di tutta la società. Lo fanno a volte in maniera silenziosa, altre volte con un megafono in mano, ma sempre e comunque cospirano, cospirano per un futuro migliore.

L’ideatrice di APERIO che da luce e spazio ai cospiratori positivi, si chiama Camille, vive in Italia ma il suo accento francese ne mostra subito le origini. Laureata in chimica, ha una passione sfegatata per la campagna e … per i “cospiratori positivi”. Così Camille li contatta e intavola con loro conversazioni in tutta libertà per parlare dell’impresa che cambia, dell’arte come espressione profonda di sé, della tecnologia al servizio dell’uomo e non dell’uomo al servizio della tecnologia, dell’agricoltura, dell’educazione… insomma di tutti quei temi attuali visti da prospettive differenti che danno vita a narrazioni di futuri desiderabili.
E così via libera ad APERIO, prima persona dell’indicativo del verbo latino aperire, che sta per aprire, mostrare, rivelare, mettere in luce…