Elena Bernabè. M'inchino

M'inchino

 

M'inchino. A chi manda all'aria la propria vita.

Le convinzioni, le regole del mondo, le vie prestabilite.

A chi si nutre di trasformazione.

Vorrei radunarle tutte queste anime scalpitanti.

E abbeverarmi alla loro sorgente traboccante di vita.

Alzare i calici e brindare.

A qualsiasi cambiamento.

Alla liberazione da ogni catena.

Alla burrasca interiore che precede il mutamento.

Fare festa ad ogni deviazione, abbracciare qualsiasi metamorfosi d'anima, lodare ogni ripensamento.

Perché siamo fatti di energia vitale in movimento che muta come una nuvola nel cielo.

Volerla ingabbiare quest'energia è la più grande uccisione.

Di noi stessi.

Siamo in balia di leggi esteriori che ci hanno fatto oscurare quelle interiori.

Non riusciamo più a vederle, sentirle, ascoltarle.

E' ora di iniziare a cercarle.

Le troveremo proprio là, dove si potrà attivare una meravigliosa scossa interiore.

E' la scintilla di vita.

Che illumina, scalda, brilla.

Solo dopo aver bruciato.

Ciò che è ora di lasciare andare.

 

 

ELENA BERNABE’

Laureata in Psicologia all'Università di Padova
Fondatrice e responsabile della redazione www.eticamente.net
Mamma di tre bambini

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Categoria: